ALS consulting

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Benvenuto in ALS consulting.it

Differito il termine per la presentazione della dichiarazione dei beni assegnati ai soci

E-mail Stampa PDF

E’ stato differito  al 31 marzo 2013 la scadenza, già prorogata al 15 ottobre 2012, relativa alla comunicazione dei beni concessi in godimento ai soci o familiari dell’imprenditore nei periodi d’imposta precedenti a quello di applicazione della disposizione.         Siccome il 31 Marzo è festa ed il 1 Marzo cade nel Lunedì dell’Angelo si giungerà a martedì 2 aprile, quale termine ultimo per l’adempimento suddetto.

A stabilire la proroga è stato un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate pubblicato ieri sul sito dell’Agenzia.       La comunicazione in parola prevede  in sintesi i seguenti aedempimenti:

- in primis la comunicazione relativa al 2012 (che deve essere effettuata ordinariamente entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo in cui i beni sono concessi in godimento);

- dall’altro, la prima comunicazione, relativa al 2011 e precedenti.  Più nel dettaglio, con riferimento a quest’ultima comunicazione, si dovranno segnalare all’Agenzia delle Entrate: - i beni concessi in godimento nei periodi d’imposta precedenti al 2012 per i quali il godimento permane nel periodo d’imposta in corso al 17 settembre 2011 (data di entrata in vigore della Legge di conversione del DL n. 138/2011); - i finanziamenti e i versamenti realizzati in periodi d’imposta precedenti al 2012 che risultano ancora in essere nel periodo d’imposta in corso al 17 settembre 2011.

Proprio sui finanziamenti e sulle capitalizzazioni si concentrano i maggiori dubbi degli operatori, in ragione tanto del provvedimento del 16 novembre 2011, quanto dei successivi interventi dell’Agenzia delle Entrate nel mese di gennaio in occasione di incontri con la stampa specializzata, poi recepiti nella circolare n. 25 del 19 giugno 2012 Come è noto, la circolare citata afferma che si devono comunicare i finanziamenti ed i versamenti effettuati o ricevuti dai soci, lasciando intendere un ambito di applicazione della disposizione, anche su questo fronte, amplissimo.

Alla luce di quanto evidenziato si attende un nuovo provvedimento attuativo ed una nuova circolare volta sia a fare chiarezza sia ad introdurre elementi di semplificazione.  Al momento, l’unica “certezza” è che non dovrebbero essere oggetto di comunicazione i finanziamenti rimborsati nel 2010, non importa se effettuati dalla società o dal socio.

Sul punto, il provvedimento del 16 novembre 2011 e la successiva circolare n. 25/2012 sono chiari nell’affermare che le operazioni devono essere ancora esistenti nel periodo d’imposta in corso al 17 settembre 2011.

 

In discussione al Governo il "Decreto semplificazioni"

E-mail Stampa PDF

 

Allo studio del Governo c’è un dossier denominato “semplificazioni” che prevede una serie di semplificazioni che dovrebbero apportare benefici di natura economica esse sono nello specifico:

l'autorizzazione unica ambientale per le Pmi. Il nuovo visto eviterà le sovrapposizioni di passaggi tra comuni, province ed altre strutture pubbliche, con un'unica autorizzazione per acque reflue, emissioni inquinanti e impatto acustico, da parte dello sportello unico per le imprese;

- lo scambio di pratiche per via telematica da parte delle Pubblica Amministrazione.

- le misure in materia di autorizzazione per l'esercizio delle attività economiche e la banca dati sugli appalti.

- le iSrl, ovvero le società innovative rivolte alla ricerca, sviluppo ed innovazione;

Il ‘Desk investitori esteri' istituito presso gli uffici dell' ICE per favorire l'arrivo in Italia di imprenditori-investitori.

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Settembre 2012 15:07

Nuova guida agevolazioni sulle ristrutturazioni

E-mail Stampa PDF

Il sito internet dell’Agenzia delle Entrate al link: http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/Nsilib/Nsi/Documentazione/Guide+Fiscali/ ha pubblicato la Guida fiscale su “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”, aggiornata al mese di agosto 2012.

In sintesi l’agevolazione consiste in una serie di detrazioni fiscali cui possono accedere gli interessati alla ristrutturazione di immobili di proprietà che possono essere riassunte come segue:

-          con riferimento al momento di sostenimento delle spese (rileva la data del bonifico, in quanto per le persone fisiche vige il “principio di cassa”)l’agevolazione sarà pari:

al:- 36% per le spese sostenute fino al 25 giugno 2012, nel limite massimo di spesa di 48.000 euro;

al 50% per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013, nel limite massimo di spesa di 96.000 euro;

al 36% per le spese sostenute dal 1° luglio 2013, nel limite massimo di spesa di 48.000 euro (salvo proroghe o eventuali modifiche normative).

Con riferimento al limite massimo di spesa agevolabile, l’Agenzia evidenzia che, per il periodo d’imposta 2012, quindi per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al termine del periodo d’imposta, all’ammontare massimo di 96.000 euro devono essere scomputate le spese già sostenute alla predetta data (comunque nei limiti di 48.000 euro, per le quali resta ferma la detrazione del 36%), mentre per il periodo d’imposta 2013, quindi per le spese sostenute dal 1° gennaio 2013 al 30 giugno 2013, al fine determinare l’ammontare massimo di 96.000 euro si deve tenere conto, in caso di mera prosecuzione dei lavori, delle spese sostenute negli anni precedenti.

Si rimanda, pertanto, alla circolare neo pubblicata per gli approfondimenti in merito alla specifica tipologia di interventi agevolabili.

 

Ultimo aggiornamento Martedì 18 Settembre 2012 15:07

Pagina 14 di 14

Sei qui Home

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta l'utilizzo dei cookie sul proprio dispositivo. Per saperne di più sui cookies che usiamo e come cancellarli vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information